(+39) 0883 1984369 info@oilala.com

Avere sempre in tavola l’olio extravergine di oliva è, per noi abitanti della macchia Mediterranea, così naturale e ovvio che solo quando pensiamo di iniziare una dieta dimagrante cominciamo a chiederci quante calorie esso contenga e se faccia ingrassare o meno.

Facciamo chiarezza da subito: l’olio extravergine di oliva è composto di soli grassi e per questo l’apporto calorico è piuttosto elevato, ovvero circa 110 calorie per un cucchiaio da cucina colmo di liquido, ma non troverete nessun dottore che ve ne impedirà l’utilizzo, anzi: medici e nutrizionisti lo consigliano vivamente da sempre e il motivo è molto semplice: dieta o no, le quantità che assumiamo ogni giorno sono limitate e le proprietà benefiche dell’olio extravergine di oliva  sono così tante che lo rendono necessario in qualsiasi dieta.

Questo preziosissimo liquido, infatti, risulta indispensabile al nostro organismo perché, oltre ad essere una fonte di sodio, calcio, potassio, ferro e vitamine, migliora il metabolismo ed evita il deposito dei grassi. Inoltre, utilizzare l’olio extravergine di oliva per condire le insalate, che di sicuro fanno parte della nostra dieta, consente alle vitamine A, E e K di essere assorbite: queste vitamine sono liposolubili e possono essere assimilate solo se assunte in associazione a oli.

In caso di diete, è sempre preferibile consumare l’olio extravergine di oliva a crudo, anche per apprezzarne a pieno odore e sapore. L’ideale sarebbe consumare un olio bio, certificato e premiato a livello mondiale come quello di Oilalà.

In ogni caso, la quantità di calorie con la cottura non cambia e rimane sempre di 850 ogni 100 grammi, quindi questo meraviglioso alimento può tranquillamente essere usato in cucina senza che risultino alterate le sue caratteristiche. L’olio extravergine di oliva è anche il più consigliato per le fritture, infatti è più resistente alle alte temperature grazie al suo alto punto di fumo pari a 260° centigradi contro i 240° dell’olio di arachidi.